mercoledì 5 novembre 2014

Narcisismo felicecon le risorse dellaBioenergetica

Quando parliamo di “narcisismo” visualizziamo una patologia della personalità senza prendere in considerazione che possiamo incontrare un narcisismo distruttivo o un narcisismo felice. Dando rispetto alla disperazione del narcisista infelice e offrendo sostegno al vero Sé corporeo si può giungere ad un narcisismo felice. La speranza intrinseca preesistente nell’archetipo dell’amore sano, “ama il prossimo tuo come te stesso”, prevede il riguardo individuale che si estende su tutto ciò che ci circonda.
Questo avviene attraverso la Bioenergetica, riuscendo a sentire le emozioni e sensazioni corporee, esprimendole tenendo conto del principio di realtà interno ed esterno, manifestando un istinto proteso ad avere cura e rispetto di noi e del mondo esterno. Possedere o integrare nella nostra vita la giusta dimensione umana vuol dire esistere in una totalità in cui la reale natura personale interagisce all’unisono con l’energia universale. Il “narcisista felice” elabora ed integra le proprie virtù ed i propri limiti accettando armonicamente le personali imperfezioni; sente l’amore, la paura e l’odio, in egual misura, senza vergognarsi, senza rimuoverle, le riconosce come emozioni naturali tanto da poterle esplicitare in modo adeguato alle situazioni con cui interagisce. Il legittimo amore permette di ritmare con sintonia: doveri e piaceri, tenerezza e leggerezza giocosa, romanticismo e avventura con saggia responsabilità adulta.
Gli umani impulsi che archetipicamente albergano in ogni inconscio quali: il ladro, l’imbroglione, l’invidioso, l’omicida, l’omosessuale, il perverso, l’esibizionista, il traditore, sono spontaneamente trasformati e sublimati in una positiva creatività collaborativa attraverso la psicoterapia Bioenergetica. L’attivazione dell’energia vitale fluendo liberamente offre al corpo un’aura luminosa e fluorescente che conferisce carisma, rispetto di sé e degli altri, nonché un’equilibrata dignità e capacità autoprotettiva.
Sono molte le persone che sentono in tutto il corpo l’insoddisfazione di tutto ciò che fanno, poiché  inseguono obiettivi che non riescono a realizzare in quanto mancano di consonanza psicofisica. La mancanza dei reali confini, di modestia e umiltà disperde tante energie e non offre la possibilità di ottimizzare i concreti potenziali a propria disposizione. Il disagio prodotto è dovuto alle stasi di energia che inducono sensazioni e ideazioni negative, invidia distruttiva, autosvalutazione inconscia, spesso negata e proiettata sull’altro. La trasmutazione degli istinti avversi può avvenire solo quando si riconoscono, si accettano e si sublimano i propri limiti, riuscendo anche a descriverli con allegro umorismo. Sono i blocchi energetici che non permettono il libero scorrere della forza vitale, producendo una scissione tra il Sé reale e il Sé ideale. Attraverso la Bioenergetica, che si svolge come psicoterapia individuale, di coppia o in gruppo, si riesce a far riemergere dall’inconscio il salubre messaggio “ama il prossimo tuo come te stesso”, quale sano narcisismo.