mercoledì 5 novembre 2014

Bioenergetica per liberarsi dai riflessi condizionanti negativi

Aprirsi alla vita liberandosi
dai riflessi condizionati negativi
Ogni nuovo nato è portavoce della genetica familiare, presente e passata, della storia ontogenetica e filogenetica dell’umanità. Le antiche memorie stampate nell’inconscio influenzano la personalità, il riflesso condizionato che ne deriva sfugge alla consapevolezza psicofisica per tutta la vita o emerge nel momento in cui l’individuo inizia a desiderare di differenziarsi dai genitori. Spesso la pulsione che vuole separarsi dai condizionamenti ambientali limitanti si manifesta con dei sintomi psicofisici. L’ansia, la depressione, le crisi di panico, l’ipocondria e finanche le psicosi, appartengono al conflitto che la persona non riesce a sostenere: “da una parte la protezione e sicurezza che offrono le radici, dall’altra il bisogno impellente di espandersi”. Sostenere la prepotente dualità e trovare la strada senza attraversare momenti psicofisici disorientanti è difficile. La differenziazione richiede una notevole forza dell’IO spesso ereditata dai propri avi. I condizionamenti incastonati nel corpo e nella mente sono di tipo PSICOLOGICI, CULTURALI, SOCIALI. PSICOLOGICI: educazione e costellazioni familiari. CULTURALI: 1) cultura collettivista che porta allo sviluppo di un Sé corporeo interdipendente. 2) cultura individuale che porta allo sviluppo di un Sé corporeo indipendente. Siamo tutti acculturati sin dalla nostra nascita attraverso gli archetipi e tramite codici culturali che assorbiamo inconsciamente come espressioni della vita. Nella nostra cultura scriviamo da sinistra verso destra considerandola come regola universale. Contrariamente possiamo scoprire che nella cultura araba si scrive da destra verso sinistra.
Per divenire consapevoli dei condizionamenti necessita osservare i tratti caratteristici di altre culture e quelli che convergono anche se in tempi storici sfalsati. In alcune società le vedove erano arse vive accanto al marito deceduto, le separate erano considerate reiette. Attualmente sembra che tutto ciò sia completamente superato ma nei vissuti onirici o nei lapsus emergono tabù e giudizi che convalidano ancora le antiche opinioni precostituite. SOCIALI: ora siamo bombardati da modelli d’identificazione che provocano un vero contagio collettivo. Le manipolazioni esterne stimolano immagini di facili successi socioeconomici. Se l’affermazione deriva da percorsi perversi a danno degli altri, non è giudicata negativamente, anzi è un esempio da seguire, se l’espansione personale avviene attraverso un’evoluzione interiore che apre il cuore all’amore e alla conoscenza di se spesso non è considerata un valido modello d’identificazione, ora è importante raggiungere potere e ricchezza con facilità. Il piacere della vita nel nostro periodo storico è il denaro, il potere indiscriminato, immagini esteriori prive di valori interiori, dignità e armonia. Radicarsi nella sana individualità liberandosi dai riflessi condizionanti negativi, richiede un costante impegno con i simboli onirici e con le sensazioni corporee. Sentendo le emozioni e le contrazioni che bloccano il fluire dell’energia, si espandono i migliori potenziali per avere salute psicofisica e per protendersi nel mondo.