mercoledì 5 novembre 2014

Dal narcisismo patologico al narcisismo felice per amare e accettare se stessi e il prossimo

L’epoca odierna è sempre più governata da un narcisismo patologico che induce l’individuo a perdere ogni valore affettivo producendo il crollo dei sentimenti familiari, di appartenenza al sociale e di rispetto di se stessi e degli altri, conseguentemente spinge verso sconsiderate condotte arroganti, amorali, spericolate, irresponsabili, disinibite sessualmente ed economicamente. Il disagio della personalità è determinato dalla negazione delle emozioni che induce a instaurare rapporti fugaci e manipolatori, stimolati da desideri irraggiungibili. Il senso di vergogna per il fallimento di ogni obiettivo fa provare odio per se stessi e continua sofferenza. Il disturbo è la drammatica sintesi finale di un errato sentimento di amore ricevuto da entrambi i genitori pieni di aspettative ideali e mancata accettazione del figlio nella sua realtà oggettiva.
La mancanza di confini, di regole e valori umani ricevuti da bambino dirigono verso stati euforici che sfociano in profonde pericolose situazioni depressive, le quali talvolta portano al suicidio. Entrambi gli atteggiamenti sono catalogati tra le patologie narcisiste che vengono negativamente giudicate piuttosto che comprese e aiutate da istituzioni all’interno della scuola iniziando dall’asilo fino all’università. L’assistenza va data a tutto il corpo docente, ai genitori e agli studenti. L’espressione euforica e quella depressiva nascondono una grande disperazione che valutata precocemente sin dalla prima infanzia può divenire la forza stimolante di tutta la famiglia nell’affrontare una salutare psicoterapia. L’Analisi Bioenergetica si è dimostrata scientificamente valida nel trasformare il narcisismo patologico in narcisismo felice che dal personale si può estendere nel collettivo. La Bioenergetica si pone come obiettivo la comprensione della personalità sulla base dei processi energetici dell’individuo poiché la vitalità e la salute di una persona sono date dalla quantità di energia che fluisce liberamente nel corpo. Rendendo fluidi i processi energetici, sentendo le emozioni, approfondendo il respiro attraverso il movimento e la voce, migliorando la postura, si potenziano tutte le funzioni agendo sull’unità organica della salute fisica-mentale-emozionale-sessuale.
Il concetto fondamentale della Bioenergetica è: il corpo e la mente sono funzionalmente identici, ciò che accade nella mente si riflette in ciò che accade nel corpo e viceversa. L’organismo funziona come un’unica totalità, dove mente e corpo si influenzano reciprocamente. Il contatto con le proprie contrazioni corporee ed energetiche, promosso attraverso la motricità accompagnata dalla voce, produce un miglioramento della salute in linea generale, dell’autostima, del pensiero creativo, dei sentimenti, delle relazioni interpersonali e un equilibrio nella gioia di vivere. La Bioenergetica si svolge in psicoterapia individuale, di coppia e in classi di esercizi per scaricare gli stress quotidiani e per trasformare le idealizzazioni narcisiste patologiche in accettazione armonica di se stessi e della vita, basilare concetto del narcisismo felice.